Si è svolto sabato 8 giugno 2019 nella suggestiva cornice del Villaggio Azzurro di Novarello (NO) il quadrangolare 4 Special Cup, al quale hanno preso parte le squadre di Soccer Dream Fermana, Virtus Entella fs, Novara fs e la Lega Pro fs, squadra adottata proprio dalla Lega guidata dal Presidente Francesco Ghirelli, che ha premiato i vincitori esprimendo bellissime parole nei confronti degli atleti special che hanno partecipato:
“Giocare a calcio con straordinaria normalità. Questa è la vittoria più bella in un giorno magnifico. C’è tutto il senso del pallone e della gioia che può regalare a questi splendidi ragazzi. Sono loro che ci hanno insegnato a giocare a calcio con il loro fair play”.

Grande entusiasmo e soddisfazione anche da parte di Valentina Battistini, Coordinatore Nazionale Quarta Categoria: “Ringrazio la Lega Pro e i club per aver sostenuto la passione e la voglia di giocare a calcio di questi ragazzi. Questo quadrangolare si iscrive nella continuità di ciò che abbiamo fatto in questi anni. Dalla prossima stagione c’è una straordinaria novità. I ragazzi saranno tesserati dalla FIGC, un grande riconoscimento al loro impegno”, ha affermato con orgoglio”.

Le due semifinali hanno visto contrapposte da un lato Virtus Entella fs e Soccer Dream Fermana e dall’altro Novara fs e Lega Pro fs.
I biancocelesti dell’Entella hanno letteralmente travolto gli avversari, con un 10-2 che ha visto Alessio Amato mattatore assoluto, immarcabile per gli avversari. Il Novara ha avuto ragione della Lega Pro fs con un 5-0 maturato solo nel secondo tempo (primo tempo conclusosi solo 1-0 per gli azzurri “di casa”), grazie alla tripletta di Della Porta, a cui hanno fatto seguito le marcature di Parigi e Macchiarulo.

L’equilibrio un po’ mancato nelle semifinali si è visto invece nelle due finali. Quella per il 3° e 4° posto ha visto uno spettacolare 4-4 al fischio finale; sono stati necessari i calci di rigore per risolvere la contesa. I rossi della Lega Pro fs si sono aggiudicati così la piazza d’onore con una precisione implacabile dal dischetto: 5 rigori a 3 realizzati.

In finale Novara e Virtus Entella si temono ed infatti il primo tempo non è stato molto spettacolare. Marcature ossessive e chiusure rapide da entrambe le parti, soprattutto sui due sorvegliati speciali, ovvero Amato per la Virtus Entella e Della Porta per il Novara. Parigi (migliore in campo) si è incollato al numero 21 biancoceleste, costringendolo spesso a dare le spalle alla porta e impedendogli di scambiare con i compagni dell’attacco. Salis viene ammonito per un fallo in scivolata su Guarente e proprio il cartellino giallo ricevuto probabilmente gli fa avere un’indecisione su una fuga di Amato che, che si libera dalla marcatura arretrando, ma invece di passare all’indietro, sorprende la difesa novarese con un velenoso diagonale che batte Pugliese.
Il Novara, però, non si arrende e ad inizio ripresa dispiega il suo sforzo massimo, raggiungendo il pareggio con un tiro da lontano di Tommasiello che non devia nessuno e che si deposita beffardamente in rete alle spalle di Pavone.
Gli azzurri hanno occasionane di passare in vantaggio con Malgrati che tenta la spettacolare deviazione di tacco su punizione battuta dalla tre quarti da Macchiarulo. Pavone ha un riflesso felino e devia in angolo. Ancora Della Porta potrebbe portare in vantaggio i suoi con una irresistibile progressione in diagonale, ma non trova nessun compagno con cui finalizzare l’incursione. E arriva così il goal della vittoria della Virtus Entella. Decentrandosi sulla sinistra, il 21 biancoceleste evita la marcatura di Parigi e realizza con un un diagonale rasoterra a giro che non lascia scampo a Pugliese. E come se non bastasse, Amato diventa protagonista anche in difesa, deviando sulla linea di porta una punizione precisa e ben calibrata dell’infaticabile Parigi.
Al triplice fischio finale inizia la festa della Virtus, per l’occasione raggiunta anche dai ragazzi della prima squadra che hanno voluto complimentarsi con loro.