Comunicato n. 250