L’albergo e l’Auditorium potranno ospitare persone sottoposte a sorveglianza sanitaria e posti letto per i pazienti bisognosi di ricovero. Gravina: “Il mondo del calcio in campo contro l’emergenza”

Per fronteggiare l’emergenza Covid-19, la Federcalcio mette a disposizione delle autorità fiorentine il Centro Tecnico Federale di Coverciano. La decisione del Presidente Gabriele Gravina è stata comunicata al Sindaco di Firenze Dario Nardella, che sta coordinando le attività sul territorio del capoluogo toscano. La FIGC, dopo aver già aperto le porte del Centro ad un presidio dei Vigili del Fuoco, ha offerto la disponibilità della ‘Casa delle Nazionali’, in particolare l’albergo e l’Auditorium (ex palestra), per ospitare persone sottoposte a sorveglianza sanitaria e per allestire alcuni posti letto per i pazienti bisognosi di ricovero.

Coverciano è un luogo iconico per il calcio mondiale, casa delle Nazionali azzurre, dell’Università del calcio con i suoi corsi per allenatori e dirigenti, centro di preparazione degli arbitri e della futura control room del VAR, nonché sede del Museo del Calcio Italiano, adesso è anche un simbolo dell’emergenza sanitaria.

“Il mondo calcio sta mostrando grande sensibilità e forte senso di responsabilità – dichiara il Presidente della FIGC Gravina – siamo tutti scesi in campo contro l’emergenza, Federazione, Leghe, Club, calciatori e allenatori, raccogliendo fondi e amplificando i messaggi delle autorità governative. La salute è il bene primario che va tutelato, per questo la FIGC apre agli italiani in difficoltà il Centro di Coverciano. Ora non si gioca a calcio, per tornare a farlo vinciamo insieme la partita più importante contro il Coronavirus”.